Rallentare per ritrovare noi stessi

Immaginate di dover scrivere un tema e di dover dare una definizione alla società odierna con poche semplici parole.
Quale usereste?

La prima che mi viene in mente è frettolosa.

Poi si potrebbero usare questi altri termini: veloce, caotica, multitasking.

Tante persone vivono continuamente di corsa, o per impegni di lavoro e di famiglia. La cosa peggiore è che sono talmente abituate a correre che iniziano a farlo anche nei rapporti personali e nei momenti liberi.
Stando così le cose, è necessario, quando possibile, trovare il modo di rallentare per riscoprire le cose semplici e migliorare la propria salute fisica e psichica.

Il seguente video tratta proprio questo argomento, con l’aggiunta di due belle poesie:

Rallentare per ritrovarsi: una cosa a volte difficile ma necessaria

Uscire dalla corsa perenne è possibile. Non è fattibile in alcuni momenti lavorativi ed è difficile attuare la cosa con i tanti impegni di famiglia, ma qualcosa è sempre possibile fare, anche per poco tempo.

E il risultato ottenuto sarà sicuramente un miglioramento dei rapporti di amicizia e sentimentali, oltre che con i propri cari.

Buona visione!

Link diretto al video: Rallentare per ritrovare noi stessi

Annunci

Rebirth – La rinascita che non è impossibile

La vita ci porta a vivere tante esperienze, non tutte positive.
A volte ci sentiamo talmente delusi, feriti o anche demoralizzati al punto da faticare ad andare avanti, in certi momenti.

Il dolore e la sofferenza, piccoli o grandi che siano, possono condizionare le nostre giornate e il raggiungimento degli obiettivi per noi importanti.

Occorre forza di volontà, pazienza e fiducia in noi stessi per andare avanti nei momenti difficili. A questo proposito, ecco un video che potrebbe essere utile. Non di certo a risolvere i problemi di qualcuno, ma almeno a far riflettere e spronare al cambiamento positivo.

Il cambiamento positivo può aiutare molto ad approcciare i problemi in modo migliore.

Uscire dal dolore e dalla sofferenza non è facile quando si hanno problemi gravi e delicati, ma in ogni caso, focalizzarsi sulla propria vita e circondarsi di belle persone che ci fanno sentire bene, è molto importante.

Ed è molto importante chiedere aiuto, specialmente quando ci si rende conto che il disagio è così forte che aiutarsi da soli non è possibile.

Non bisogna mai vergognarsi di chiedere un aiuto, anche specialistico se necessario. Come scritto nel video, occorre poi capire che le nostre debolezze in realtà ci rendono umani e speciali quando non danneggiano gli altri.

Perchè la persona forte non è quella che non cade mai o che non mostra incertezze o paure. No, la persona forte è quella che nelle sue debolezze e fragilità non si vergogna di se stessa, si piace lo stesso e decide di risolvere i problemi chiedendo aiuto.

Buona visione a tutti!

Link diretto al video:

Rebirth – la rinascita che cambia la vita

La foglia – poesia di Umberto Saba

“La foglia” è una poesia d’amore scritta dal poeta Umberto Saba. L’opera, molto struggente, descrive perfettamente le emozioni e la sofferenza provata dal poeta.

Potete leggere la poesia, insieme all’approfondimento, guardando questo video:

Poesia d’amore di Umberto Saba – La foglia

Qui invece trovate un link alla pagina web con il testo e una spiegazione della poesia:

La foglia – poesia di Umberto Saba

Buona visione e buona lettura!

I social network e la comunicazione limitata

I social media sono utilizzati a livello mondiale. Moltissime comunicazioni, da quelle lavorative, a quelle personali, passano proprio attraverso gruppi sociali, ovvero i social network..
L’immediatezza e la facilità con cui è possibile trovare, raggiungere e comunicare con chiunque, creano il rischio di una dipendenza digitale, ma anche rischi a livello di salute e di isolamento sociale.

Anche in assenza di una vera dipendenza, esiste il rischio di un appiattimento e semplificazione eccessiva di ogni tipo di comunicazione. Si può arrivare a comunicare solo a distanza, spesso senza neppure scrivere ma usando solo immagini ed emoticons.
Soprattutto, si rischia di essere continuamente in contatto con tutti, senza però comunicare veramente.

Il seguente video, nella prima parte mostra queste situazioni e, nella seconda, come poter ristabilire un giusto equilibrio tra uso della tecnologia e ritaglio di spazi personali indispensabili per vivere serenamente la quotidianità.

Perchè l’uomo, a differenza di quanto si pensi, non ha bisogno solamente di entrare in contatto con gli altri e comunicare, ma anche di spazi personali propri in cui stare da solo, con se stesso.

Se da un lato la troppa solitudine e la noia rappresentano un eccesso pericoloso per l’individuo, dall’altro l’eccesso di contatti e di comunicazione è altrettanto dannoso.

Occorre, a livello mentale e psicologico, un equilibrio. L’alternanza tra piccoli momenti di solitudine e comunicazione/rapporti con gli altri è essenziale e ci permette di conoscere meglio noi stessi, ricaricarci quando occorre ed esprimere al meglio le nostre potenzialità.

Walt Whitman – Se tardi a trovarmi

Le poesie d’amore sono da sempre molto gettonate.
Sono poche però quelle che ci rimangono sempre impresse dentro e ci lasciano emozioni difficilmente descrivibili a parole.

La differenza tra una bella poesia d’amore e una grande poesia d’amore sta proprio nelle emozioni che suscitano e nella durata delle stesse.

Un esempio di ottima poesia a tema sentimentale è questa poesia di Walt Whitman, davvero bella.

Una poesie d’amore davvero toccante e ben scritta.

La particolarità di questa poesia è che non c’è nessuna descrizione di ricordi, baci, carezze o incontri amorosi. L’autore non descrive affatto come è fatta la persona che ama, né ci fornisce una sua descrizione o un racconto di un loro incontro.

No, l’autore pone l’attenzione sul legame che va oltre la distanza e l’impossibilità di vedersi o toccarsi. I versi sembrano quasi una rassicurazione verso la persona amata, come per dirle di non preoccuparsi, perchè al di là di tutto, lui è sempre vicino, anche se non riesce a trovarlo

Poesie come questa ci dimostrano che non servono gli “effetti speciali” per stupire e trascinare il lettore. Così come è possibile emozionare senza fornire alcun dettaglio sulla storia d’amore o sulla persona che si ama. E i versi, splendidamente scritti, parlano da soli.

Vi ricordiamo, infine, che per vedere altre videopoesie potete visitare il canale Youtube e magari iscrivervi. Cliccate sull’icona qui sotto per entrare nel canale.

Isola della poesia channel
Il canale Youtube dell’isola della poesia

La poesia più bella mai scritta

Qual è la poesia più bella mai scritta? Chiaramente, non è possibile dare una risposta univoca, precisa, netta. Ci sono troppi fattori ed elementi da considerare, tra cui: il tipo di poesia, il genere, la metrica, il tema trattato, la corrente letteraria..Senza contare poi il fattore soggettivo e i gusti personali.

In ogni caso, chiunque ami la poesia, ha sicuramente un’opera che, in maniera del tutto soggettiva, rappresenta la migliore e più toccante, a cui è più legato. A questo proposito, vi segnaliamo questa iniziativa:

Qual è la vostra poesia preferita? Questo video poetico invita tutti a indicare una poesia.

Attraverso i commenti al video su Youtube, è possibile esprimere la propria preferenza, rispettando le regole indicate nella descrizione del video stesso.

L’isola della poesia raddoppia

L’Isola della poesia, il portale letterario online da più di tredici anni, da oggi è disponibile anche in lingua inglese.
Il portale ha beneficiato di un aggiornamento che ha portato molte migliorie e aggiunte a pagine e sezioni, oltre a diventare un progetto diverso e con uno scopo ben preciso.

isola-poesia

L’isola della poesia, in questa nuova doppia veste italiana e inglese, diventa sempre di più un grande archivio dove LEGGERE poesie e documentarsi sulle stesse, non solo per scoprirne di nuove, ma anche per approfondire la metrica, le figure retoriche e molti altri aspetti della poesia.

Non si tratta quindi di una community, nè di un social network o forum. Il sito web  sarà quindi un enorme archivio letterario in sola lettura e si focalizzerà sulle guide poetiche e la catalogazione di poesie famose con approfondimenti e spiegazioni.

Le novità però non finiscono qui. Presto ci saranno altri aggiornamenti, ma al momento è presto per parlarne.

Nel frattempo, è possibile iniziare a visitare la versione in lingua inglese, raggiungibile da questo link: The Poetry Island

Buona lettura a tutti.