La luna e l’estate

Una delle cose più straordinarie della poesia, è la sua capacità di farci vedere le cose sotto un’altra ottica. I grandi poeti ci stupiscono sempre, fornendoci una “visuale” diversa su tutto ciò che siamo abituati a vedere in un certo modo.
Questo è il caso di grandi autori come D’Annunzio e Pascoli, di cui potete vedere qui sotto i video di due loro bellissime poesie.

La luna è al centro di una poesia di D’annunzio: O falce di luna calante. C’è davvero tanto da leggere e da vedere in questa poesia. Ecco un video illustrativo:

La luna nella poesia di D’annunzio

Giovanni Pascoli, nella poesia “D’estate”, ci mostra la natura incontaminata mettendo in primo piano i piccoli animali che popolano i nostri prati, campi e fiori in estate.

Potete leggerla attraverso questo video:

La bellezza della natura, i piccoli animali in estate nella poesia di Pascoli.

La natura, così come qualsiasi altro argomento, ci regala cose diverse e sempre molto profonde e belle a seconda di come il poeta ce lo mostra. Queste due poesie, sono la prova che la penna e l’intuizione del poeta, nonché la sua sensibilità, possono rendere unica e originale una poesia su un argomento già trattato tante volte.

La poesia è sempre attuale

Ci sono momenti in cui ci si ferma a riflettere più del solito. Indubbiamente, l’emergenza sanitaria che stiamo affrontando ci ha portato e ci porterà spesso a riflettere su di noi e sulle nostre vite.

Il cambiamento di stile di vita e di abitudini, assolutamente necessario ora, porta certamente a delle rinunce e a una “ristrutturazione” delle nostre giornate. Molte cose cambiano e cambieranno ancora, ma ce ne sono altre che non saranno mai influenzate dalla situazione.
I sentimenti e i bisogni umani continueranno (per fortuna) a esistere e a portarci a desiderare cose belle e necessarie.

Il modo di esprimersi e comunicare è a sua volta cambiato, ma le emozioni possono e devono essere espresse anche verbalmente e tramite la scrittura. A questo proposito, la poesia si candida come il mezzo principe della comunicazione e dell’espressione umana.
Non è necessario essere grandi ed esperti poeti per cominciare. E non fa niente se ciò che scriviamo potrà risultare banale a qualcuno all’inizio.

Per chi volesse approfondire il discorso scrittura, ecco un link con delle guide utili:

Come scrivere poesie

Per chi desidera invece leggere poesie in forma multimediale, qui sotto trovate qualche video di poesia.

La rinascita della vita in una bellissima poesia di Quasimodo!
La luna vista in maniera…inusuale! Una gran bella poesia di D’Annunzio.

Buona scrittura e buona visione a tutti!

Andrà tutto bene – Più forti di prima rinasceremo!

Ciao a tutti!

In tempi così difficili per tutti, oltre agli interventi e comportamenti necessari per fronteggiare l’emergenza, risulta altrettanto indispensabile coltivare ciò che è la molla che fa andare avanti: la speranza.

Nel precedente post è stato proposto un video contenente una poesia di Emily Dickinson. Oggi, invece, potete vedere un video diverso che pur trattando lo stesso argomento, è impostato in maniera differente.

Tutto cambierà dentro di noi, ma saremo più forti di prima…

Il video contiene una videopoesia scritta appositamente per mandare un messaggio ben preciso. Non è e non sarà facile continuare il periodo che stiamo vivendo, ma è importante anche soffermarsi anche su ciò che ci perdiamo ogni volta che frettolosamente, ignoriamo le piccole e apparentemente insignificanti cose che ci passano intorno e che invece sono importanti.

Allora, prepariamoci al dopo, quando vedremo forse le cose in maniera diversa e apprezzeremo di più il valore delle piccole cose.

Buona visione a tutti!

La speranza – un bene da riscoprire ora più che mai

Il momento è difficile per tutti.

La situazione è drammatica per tutti. Risulta anche difficile scrivere qualcosa che non risulti banale o potenzialmente inutile per aiutare le persone.
In questo momento c’è bisogno di unità e vicinanza.

La situazione attuale non ci consente neppure un abbraccio che possa dare e far ricevere forza e affetto. E allora, una volta tanto, usiamo tutta la tecnologia di cui disponiamo in modo costruttivo. Usiamola per unirci e stare vicini a tutti, anziché per postare foto e faccine in maniera casuale e ripetitiva.

Occorre coltivare la speranza ora più che mai. E la speranza si coltiva anche restando uniti. Chiusi nelle case (cerchiamo di non uscire!) ma vicini tra di noi. Aiutiamo tutti con messaggi e gesti solidali e ogni volta che notiamo che qualcuno sta cedendo alla tristezza, stiamogli vicino con amore!

Soprattutto, non limitiamoci a inviare foto e immagini carine prese da qualche parte! Occorre scrivere e far sentire la nostra vicinanza comunicando i nostri sentimenti, l’affetto e il desiderio spontaneo di aiutare.

A seguire, due filmati che parlano di speranza.
Il primo è appunto una poesia sulla speranza, scritta da Emily Dickinson.

La speranza è un bene prezioso da alimentare sempre e da non perdere mai!

Il secondo filmato è un bellissimo messaggio di speranza scritto da Tagore.
Anche questa poesia è molto bella e vale la pena di rileggerla più volte.

Non aver paura è una bellissima poesia del poeta Tagore che infonde speranza.

Per concludere, ecco un altro splendido testo per tutti.

Prima della libertà e dell’amore c’è la speranza.
L’idea che le cose possano migliorare.
Che tutto possa andare bene.
Il potere della speranza ci libera dalle catene della disperazione e della sofferenza.
Come una mano che ci guida sulla via,
ci fa sollevare il mento
e ci indica qualcosa
che avevamo guardato fino a questo momento.
Ci chiede di vedere di più.
Quando lo facciamo,
ci diamo la possibilità di vivere con amore
e di amare la vita.

(Richard Bandler)

L’inverno, i boschi e la neve come rifiugio per la serenità

Viviamo in un mondo frenetico, dove tutto corre senza sosta.
Scadenze da rispettare, orari rigidi e, soprattutto, impegni che si accavallano l’uno con l’altro non ci danno tregua.

La cosa peggiore è che nei pochi momenti in cui sono libere, molte persone ricominciano a correre a destra e a sinistra, come se dovessero mantenere per forza quei ritmi forsennati, anche quando non hanno impegni. Si tratta di una vera e propria abitudine alla corsa continua che può fare solo male.

Come si può fare per tentare almeno di rallentare?
Premesso che di fronte a impegni lavorativi e di famiglia spesso si può fare poco, il seguente video mostra una poesia di Robert Frost che vi invito a leggere con attenzione. Comprende anche una piccola analisi che spero sarà utile.

Robert Frost e la natura. Una bellissima poesia da leggere e rileggere più volte.

Il dilemma trattato da questa poesia lo affrontiamo tutti. A questo punto, la domanda da porci è: non è il caso, ogni tanto, di fermarci e lasciarci andare alle belle emozioni, pur senza abbandonare i nostri doveri?

La natura, come raccontato in questa poesia, può aiutarci, ma ci sono tante cose che nella nostra vita possono fornirci il “rifugio” – seppur momentaneo – dalla foga del mondo: le nostre passioni, i momenti di solitudine, le persone che ci piacciono, una sosta in un bar…
Occorre un po’ di impegno, ma è possibile riuscire ad abituare noi stessi, e la nostra mente, a visitare spesso e brevemente tale rifugio, per vivere meglio.

Trovare l’ispirazione per scrivere poesie

La poesia è una forma d’arte complessa. Nella scrittura, subentrano vari aspetti come la metrica, lo stile, le figure retoriche e molto altro ancora.
Per scrivere bene, bisogna leggere molto, sperimentare e imparare i concetti e le regole di base ( qui una guida utile per tutti: guide per scrivere poesie).

Tutta la conoscenza acquisita, però, è inutile se non riusciamo a trovare l’ispirazione giusta per scrivere una bella poesia.
Ma come si trova l’ispirazione?

Non esiste una risposta universale. Ogni persona ha una sensibilità e un carattere diverso e quindi trova ispirazione in modi e tempi differenti.

In ogni caso, nel seguente video potete trovare alcuni consigli su come trovare l’ispirazione e “convertirla” poi in una poesia!

Buona visione e buona scrittura a tutti! 🙂

Il mondo ha bisogno di eroi

I grandi poeti hanno tutti una caratteristica in comune: quando ci parlano di grandi temi della vita e del mondo, lo fanno sempre in modo potente e con versi di grande impatto emotivo.

Questo è il caso del premio Nobel Eugenio Montale, in particolar modo con la poesia “Non si nasconde fuori”.

La poesia è molto breve e ci dice senza mezzi termini chi sono per Montale le persone che salvano il mondo. Non supereroi dotati di poteri, non persone di intelligenza superiore e neppure uomini dotati di un cospicuo patrimonio.

Ecco un video che illustra la poesia di Montale.

L’opera è bella perchè nella sua brevità va dritta al punto. E poi descrive in maniera splendida chi salva il mondo.

Cosa ne pensate?

Walt Whitman: O capitano, mio capitano!

Oggi parliamo di una frase molto celebre: “O capitano, mio capitano!”.

Probabilmente, molti assoceranno tale frase al film l’attimo fuggente e alla straordinaria interpretazione di un grande Robin Williams.
Al di là del valore e della bellezza profonda del film (che cita tale frase in vari passaggi), la frase è in realtà il titolo di una splendida poesia scritta da Walt Whitman, di cui potete vedere un video qui sotto:

O capitano, mio capitano! Splendida poesia di Walt Whitman

Non tutti sanno che tale poesia è stata scritta come omaggio al presidente Lincoln. I versi contengono infatti varie metafore su quel periodo storico.

La nave rappresenta gli Stati Uniti, il capitano è Lincoln che “guidava” la nave attraverso mille avversità e pericoli (la guerra di secessione). Il “capitano” Lincoln è morto dopo aver portato la “nave” degli Stati Uniti a destinazione.

Il poeta ha quindi scritto questa poesia dopo l’assassinio del presidente Lincoln.

Cliccando sul link qui sotto potete trovare l’analisi della poesia:

Analisi della poesia ” O capitano mio capitano”

Non aver paura: poesia sulla speranza

Si dice che la speranza sia sempre l’ultima a morire. Un concetto giusto, sicuramente da ricordare, ma che in certe situazioni della vita è difficile da mettere in pratica.

Non basta crederci, occorre anche capire perché ciò è importante.
A questo scopo, ecco una bellissima poesia di Tagore dal titolo “Non abbandonarti”.

Non aver paura, ci dice il poeta. E il messaggio è accompagnato da bellissimi versi.

La poesia è davvero bella e ben scritta. Non è il solito messaggio motivante ad effetto, né un consiglio generico, ma una vera e propria illustrazione della speranza e di come funzionano certi stati d’animo.

Una poesia che merita di essere letta e riletta più volte.
Qui trovate un’analisi approfondita del testo:

Poesia sulla speranza – non abbandonarti

Buona lettura e buona visione a tutti! 🙂

Come scrivere poesie – Nuova serie di video letterari

L’isola della poesia ha inaugurato una nuova categoria di video di supporto a tutti i poeti o aspiranti tali.

I video conterranno suggerimenti e indicazioni varie su come scrivere al meglio poesie. Il primo della serie è già stato pubblicato e potete vederlo qui sotto.

Come scrivere poesie. Il primo video della serie letteraria de “L’isola della poesia”.

Questo primo video illustra semplicemente alcuni aspetti della scrittura in apparenza ovvi, ma che sono fondamentali e spesso dimenticati.
Il filmato, infatti, spiega cosa occorre fare prima di iniziare a scrivere poesie e perché una persona dovrebbe cimentarsi in questa nobile arte.

Dal secondo video in poi, saranno forniti utili consigli tecnici su come comporre le poesie e scrivere in versi.

Buona visione e buona scrittura a tutti!