I social network e la comunicazione limitata

I social media sono utilizzati a livello mondiale. Moltissime comunicazioni, da quelle lavorative, a quelle personali, passano proprio attraverso gruppi sociali, ovvero i social network..
L’immediatezza e la facilità con cui è possibile trovare, raggiungere e comunicare con chiunque, creano il rischio di una dipendenza digitale, ma anche rischi a livello di salute e di isolamento sociale.

Anche in assenza di una vera dipendenza, esiste il rischio di un appiattimento e semplificazione eccessiva di ogni tipo di comunicazione. Si può arrivare a comunicare solo a distanza, spesso senza neppure scrivere ma usando solo immagini ed emoticons.
Soprattutto, si rischia di essere continuamente in contatto con tutti, senza però comunicare veramente.

Il seguente video, nella prima parte mostra queste situazioni e, nella seconda, come poter ristabilire un giusto equilibrio tra uso della tecnologia e ritaglio di spazi personali indispensabili per vivere serenamente la quotidianità.

Perchè l’uomo, a differenza di quanto si pensi, non ha bisogno solamente di entrare in contatto con gli altri e comunicare, ma anche di spazi personali propri in cui stare da solo, con se stesso.

Se da un lato la troppa solitudine e la noia rappresentano un eccesso pericoloso per l’individuo, dall’altro l’eccesso di contatti e di comunicazione è altrettanto dannoso.

Occorre, a livello mentale e psicologico, un equilibrio. L’alternanza tra piccoli momenti di solitudine e comunicazione/rapporti con gli altri è essenziale e ci permette di conoscere meglio noi stessi, ricaricarci quando occorre ed esprimere al meglio le nostre potenzialità.

Annunci

L’isola della poesia raddoppia

L’Isola della poesia, il portale letterario online da più di tredici anni, da oggi è disponibile anche in lingua inglese.
Il portale ha beneficiato di un aggiornamento che ha portato molte migliorie e aggiunte a pagine e sezioni, oltre a diventare un progetto diverso e con uno scopo ben preciso.

isola-poesia

L’isola della poesia, in questa nuova doppia veste italiana e inglese, diventa sempre di più un grande archivio dove LEGGERE poesie e documentarsi sulle stesse, non solo per scoprirne di nuove, ma anche per approfondire la metrica, le figure retoriche e molti altri aspetti della poesia.

Non si tratta quindi di una community, nè di un social network o forum. Il sito web  sarà quindi un enorme archivio letterario in sola lettura e si focalizzerà sulle guide poetiche e la catalogazione di poesie famose con approfondimenti e spiegazioni.

Le novità però non finiscono qui. Presto ci saranno altri aggiornamenti, ma al momento è presto per parlarne.

Nel frattempo, è possibile iniziare a visitare la versione in lingua inglese, raggiungibile da questo link: The Poetry Island

Buona lettura a tutti.

Viaggio nello spazio – Return to space

Dopo il video con la bellissima poesia di Floriana Porta, ecco qui il seguito del filmato, firmato sempre dall’Isola della poesia.

“Return to space” inizia dove finiva il precedente, ma questa volta il video è in HD e contiene molti più spunti di riflessione, oltre a effetti grafici migliorati. Inoltre, il comparto musicale è realizzato integrando la bellissima composizione di un artista di talento: Fabio Barzagli, in arte FBY.

La traccia audio si chiama proprio “Return to space”. Chi vuole partecipare, può aggiungere un commento direttamente sulla pagina Youtube del filmato, spiegando qual è l’interpretazione che dà alla storia contenuta nel filmato.

Buona Visione!

 

La biblioteca della poesia

La letteratura poetica comprende molte opere, sia di autori italiani che stranieri. Si tratta di un vero e proprio patrimonio letterario e culturale da salvaguardare.
Il numero di autori e di poesie è talmente vasto da non poter essere trattato in maniera esaustiva nè all’interno dei programmi scolastici, nè in altri ambiti. Internet ci viene certamente in aiuto, permettendoci di cercare e trovare più o meno tutto ciò che vogliamo, ma nonostante ciò la ricerca può essere difficoltosa.

Le informazioni che troviamo navigando nel mare del web, spesso sono incomplete o frammentarie. La poesia può essere semplicemente mostrata, oppure analizzata e approfondita solo in minima parte. Altre volte vorremmo avere più informazioni anche sull’autore, oppure saperne di più sulla corrente letteraria che ha ispirato quella poesia.
Risulta quindi necessario, il più delle volte, effettuare ricerche multiple per estrapolare in più siti e tempi le informazioni che ci interessano, per poi metterle insieme.

Tutto questo può essere un lungo e difficile lavoro. Per rendere tutto più semplice e immediato e al fine di raggruppare il maggior numero possibile di informazioni su poeti, poesie e tutto ciò che è connesso, c’è un nuovo strumento: la biblioteca della poesia.

Il progetto, in costante evoluzione, è portato avanti dall’Isola della poesia. Si tratta di una sezione specifica che contiene un database pubblico liberamente consultabile da chiunque voglia approfondire la conoscenza dell’arte poetica.

Si possono anche effettuare ricerche per autore e successivamente sarà possibile filtrare le poesie anche in base ad altri criteri.

Il progetto è raggiungibile cliccando su questo link:

Biblioteca della poesia – Poesie famose

Chiunque volesse contribuire al progetto, può inserire un banner per pubblicizzare la biblioteca, seguendo le istruzioni riportate in questa pagina: banner isola della poesia.

Concorso di poesia multimediale

L’isola della poesia bandisce periodicamente concorsi letterari. Ora è la volta della prima edizione del concorso di poesia INK DREAMS. Si tratta di un concorso letterario gratuito e multimediale, perchè l’invio e la valutazione delle opere avverrà direttamente su Youtube!

Qui sotto, lo spot del concorso letterario, che partirà a Settembre. Si può partecipare gratuitamente con una sola poesia, previa registrazione al canale Youtube dell’isola. In palio, la pubblicazione dell’opera sull’isola della poesia e un bellissimo romanzo.

Il regolamento completo lo trovate nella descrizione del video, su Youtube.

Link diretto al video: Concorso Ink Dreams per poeti

Affilate le penne, poeti!