Poesia News – notizie flash su poesie e concorsi

Posts Tagged ‘poesie famose

La biblioteca della poesia, di cui è già stata data un’ampia descrizione, ha uno spot tutto suo!
Per chi non lo sapesse, ricordiamo che si tratta di un progetto dell’Isola della poesia e che chiunque può contribuire alla sua diffusione incorporando il filmato o segnaladolo sui propri spazi web.

La sezione è raggiungibile a questo link: Poesie famose
Qui sotto, il filmato dello spot:

Annunci

UGO FOSCOLO – ALLA SERA

Forse perché della fatal quiete
Tu sei l’imago a me sì cara vieni
O sera! E quando ti corteggian liete
Le nubi estive e i zeffiri sereni,

E quando dal nevoso aere inquïete
Tenebre e lunghe all’universo meni
Sempre scendi invocata, e le secrete
Vie del mio cor soavemente tieni.

Vagar mi fai co’ miei pensier su l’orme
che vanno al nulla eterno; e intanto fugge
questo reo tempo, e van con lui le torme

Delle cure onde meco egli si strugge;
e mentre io guardo la tua pace, dorme
Quello spirto guerrier ch’entro mi rugge.

Per maggiori informazioni su questa poesia e sui contenuti, potete consultare la nostra pagina di approfondimento qui:

Ugo Foscolo – spiegazione poesia “Alla sera”


Eccoci qua! Finalmente ci siamo. La sezione con le schede dei grandi poeti italiani che avevamo annunciato, ora è pronta.

Potete raggiungerla cliccando sul seguente link:

Poeti italiani famosi

Occorre fare alcune precisazioni.

La sezione nasce con l’intento di dare la possibilità di avvicinarsi alla poesia e ai poeti più blasonati a tutti coloro che non conoscono l’argomento. E’ pensata anche per gli studenti in cerca di informazioni rapide, ma queste schede da noi fornite, non vanno assolutamente intese come una sostituzione dei libri di testo da cui copiare per svolgere temi e tesine o, peggio ancora, come fonti ufficiali e dettagliate sulla poetica degli autori.

Per gli scopi del nostro sito, sono sufficienti informazioni di base. Definire, ad esempio, l’intero stile letterario di un genio della letteratura come Dante Alighieri in una misera e breve pagina, sarebbe praticamente impossibile.

Prendetele invece come se fossero semplici appunti “scolastici” di un appassionato di poesia. Pertanto, la sezione potrebbe contenere imprecisioni o essere troppo sintetica in alcuni punti.  Si tratta quindi di piccoli cenni alla poetica dei vari Pascoli, Leopardi, Quasimodo e altri. Non è assolutamente equiparabile alle antologie letterarie, nè a libri di testo per studenti.

Infine, preciso che la sezione non è ancora completa: sarà ampliata un pò alla volta, compatibilmente con il tempo libero a disposizione. Non è da escludere, in seguito, un’altra  sezione analoga dedicata a poeti stranieri.

Sono e saranno ben accetti consigli su come migliorarla e segnalazioni di eventuali imprecisioni, che potete segnalare via email (trovate l’indirizzo alla fine di questo post o nella sezione di questo blog intitolata “Collabora con noi”).

A tal proposito, vi invitiamo a scriverci privatamente per posta elettronica. Questo non perchè non accettiamo critiche mosse in pubblico (ci mancherebbe), ma semplicemente perchè col passare del tempo, questo post diventerà vecchio e le segnalazioni fatte via commento potrebbero essere dimenticate facilmente, vista la mole di lavoro che abbiamo. Anche perchè, inviando commenti di segnalazione su altri post successivi e più recenti, si andrebbe fuori argomento.

Ricordo che l’indirizzo è questo:

Augurandomi che la sezione sia  di vostro gradimento, vi auguro una buona giornata.

Ho sceso, dandoti il braccio

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale

e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.

Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.

Il mio dura tuttora, né più mi occorrono

le coincidenze, le prenotazioni,

le trappole, gli scorni di chi crede

che la realtà sia quella che si vede

Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio

non già perché con quattr’occhi forse si vede di più.

Con te le ho scese perché sapevo che di noi due

le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,

erano le tue.

Questa bellissima poesia di Eugenio Montale racchiude diversi spunti di riflessione, nonchè tematiche molto interessanti. Vi consiglio a rileggerla più volte per comprenderla meglio. Infine, vi invito a leggere l’approfondimento alla poesia sul nostro sito, su questa pagina:

Poesia di Montale

Troverete spiegazioni e approfondimento sui versi.

E’ in fase di costruzione una nuova sezione che raccoglierà approfondimenti sulle opere e sulle tematiche affrontate dai più grandi poeti conosciuti.
La sezione vuole essere un aiuto per chi desidera approcciarsi per la prima volta con il bellissimo mondo della poesia, ma anche per coloro che cercano informazioni rapide e sintetiche sui poeti.

Non vuole quindi essere una guida minuziosa e dettagliata alla poetica dei poeti più illustri (per quello ci sono i libri di testo), ma un piccolo e rapido aiuto alla comprensione delle opere dei vari Montale, Pascoli, Leopardi, ecc… Può essere utile agli studenti in cerca di una guida rapida e riassuntiva (attenzione: non sarà sufficiente per gli studi!) oppure a chi ama la poesia e cerca un punto di inizio per saperne di più sui propri poeti preferiti e sul loro modo di pensare.

La sezione sarà inizialmente dedicata solo agli autori italiani. Non è da  escludere in seguito, se avrà un buon seguito, un’altra sezione analoga per i poeti stranieri.

Infine, ricordiamo che sul nostro sito è da tempo possibile leggere diverse poesie famose che contengono  la spiegazione dell’opera e di alcune  tematiche dell’autore.

EDIT: la sezione è finalmente pronta. Link:

Schede dei grandi poeti italiani

Ecco una di quelle poesie che mi piace definire “brevi ma di grande impatto”: Il lampo di Giovanni Pascoli.

Il lampo – di Giovanni Pascoli

E cielo e terra si mostrò qual era:

la terra ansante, livida, in sussulto;
il cielo ingombro, tragico, disfatto:
bianca bianca nel tacito tumulto
una casa apparì sparì d’un tratto;
come un occhio, che,largo,esterrefatto,
s’aprì si chiuse, nella notte nera.

Questa poesia, apparentemente parla di un temporale e degli eventi atmosferici. In realtà c’è molto di più se la si legge con attenzione. Mi colpisce molto il modo in cui Pascoli utilizza le metafore per collegarsi alla condizione umana. Per saperne di più su questa poesia e per coglierne i significati più profondi, potete leggere il mio commento su questa pagina:

Il lampo – Giovanni Pascoli

Vi invitiamo inoltre a guardare il seguente video su Pascoli e le sue poesie:

Poesie di Giovanni Pascoli