La foglia – poesia di Umberto Saba

“La foglia” è una poesia d’amore scritta dal poeta Umberto Saba. L’opera, molto struggente, descrive perfettamente le emozioni e la sofferenza provata dal poeta.

Potete leggere la poesia, insieme all’approfondimento, guardando questo video:

Poesia d’amore di Umberto Saba – La foglia

Qui invece trovate un link alla pagina web con il testo e una spiegazione della poesia:

La foglia – poesia di Umberto Saba

Buona visione e buona lettura!

Annunci

Walt Whitman – Se tardi a trovarmi

Le poesie d’amore sono da sempre molto gettonate.
Sono poche però quelle che ci rimangono sempre impresse dentro e ci lasciano emozioni difficilmente descrivibili a parole.

La differenza tra una bella poesia d’amore e una grande poesia d’amore sta proprio nelle emozioni che suscitano e nella durata delle stesse.

Un esempio di ottima poesia a tema sentimentale è questa poesia di Walt Whitman, davvero bella.

Una poesie d’amore davvero toccante e ben scritta.

La particolarità di questa poesia è che non c’è nessuna descrizione di ricordi, baci, carezze o incontri amorosi. L’autore non descrive affatto come è fatta la persona che ama, né ci fornisce una sua descrizione o un racconto di un loro incontro.

No, l’autore pone l’attenzione sul legame che va oltre la distanza e l’impossibilità di vedersi o toccarsi. I versi sembrano quasi una rassicurazione verso la persona amata, come per dirle di non preoccuparsi, perchè al di là di tutto, lui è sempre vicino, anche se non riesce a trovarlo

Poesie come questa ci dimostrano che non servono gli “effetti speciali” per stupire e trascinare il lettore. Così come è possibile emozionare senza fornire alcun dettaglio sulla storia d’amore o sulla persona che si ama. E i versi, splendidamente scritti, parlano da soli.

Vi ricordiamo, infine, che per vedere altre videopoesie potete visitare il canale Youtube e magari iscrivervi. Cliccate sull’icona qui sotto per entrare nel canale.

Isola della poesia channel
Il canale Youtube dell’isola della poesia

L’isola della poesia raddoppia

L’Isola della poesia, il portale letterario online da più di tredici anni, da oggi è disponibile anche in lingua inglese.
Il portale ha beneficiato di un aggiornamento che ha portato molte migliorie e aggiunte a pagine e sezioni, oltre a diventare un progetto diverso e con uno scopo ben preciso.

isola-poesia

L’isola della poesia, in questa nuova doppia veste italiana e inglese, diventa sempre di più un grande archivio dove LEGGERE poesie e documentarsi sulle stesse, non solo per scoprirne di nuove, ma anche per approfondire la metrica, le figure retoriche e molti altri aspetti della poesia.

Non si tratta quindi di una community, nè di un social network o forum. Il sito web  sarà quindi un enorme archivio letterario in sola lettura e si focalizzerà sulle guide poetiche e la catalogazione di poesie famose con approfondimenti e spiegazioni.

Le novità però non finiscono qui. Presto ci saranno altri aggiornamenti, ma al momento è presto per parlarne.

Nel frattempo, è possibile iniziare a visitare la versione in lingua inglese, raggiungibile da questo link: The Poetry Island

Buona lettura a tutti.

Poesia di Ugo Foscolo – alla sera

UGO FOSCOLO – ALLA SERA

Forse perché della fatal quiete
Tu sei l’imago a me sì cara vieni
O sera! E quando ti corteggian liete
Le nubi estive e i zeffiri sereni,

E quando dal nevoso aere inquïete
Tenebre e lunghe all’universo meni
Sempre scendi invocata, e le secrete
Vie del mio cor soavemente tieni.

Vagar mi fai co’ miei pensier su l’orme
che vanno al nulla eterno; e intanto fugge
questo reo tempo, e van con lui le torme

Delle cure onde meco egli si strugge;
e mentre io guardo la tua pace, dorme
Quello spirto guerrier ch’entro mi rugge.

Per maggiori informazioni su questa poesia e sui contenuti, potete consultare la nostra pagina di approfondimento qui:

Ugo Foscolo – spiegazione poesia “Alla sera”


La poetica dei più famosi poeti italiani

Eccoci qua! Finalmente ci siamo. La sezione con le schede dei grandi poeti italiani che avevamo annunciato, ora è pronta.

Potete raggiungerla cliccando sul seguente link:

Poeti italiani famosi

Occorre fare alcune precisazioni.

La sezione nasce con l’intento di dare la possibilità di avvicinarsi alla poesia e ai poeti più blasonati a tutti coloro che non conoscono l’argomento. E’ pensata anche per gli studenti in cerca di informazioni rapide, ma queste schede da noi fornite, non vanno assolutamente intese come una sostituzione dei libri di testo da cui copiare per svolgere temi e tesine o, peggio ancora, come fonti ufficiali e dettagliate sulla poetica degli autori.

Per gli scopi del nostro sito, sono sufficienti informazioni di base. Definire, ad esempio, l’intero stile letterario di un genio della letteratura come Dante Alighieri in una misera e breve pagina, sarebbe praticamente impossibile.

Prendetele invece come se fossero semplici appunti “scolastici” di un appassionato di poesia. Pertanto, la sezione potrebbe contenere imprecisioni o essere troppo sintetica in alcuni punti.  Si tratta quindi di piccoli cenni alla poetica dei vari Pascoli, Leopardi, Quasimodo e altri. Non è assolutamente equiparabile alle antologie letterarie, nè a libri di testo per studenti.

Infine, preciso che la sezione non è ancora completa: sarà ampliata un pò alla volta, compatibilmente con il tempo libero a disposizione. Non è da escludere, in seguito, un’altra  sezione analoga dedicata a poeti stranieri.

Sono e saranno ben accetti consigli su come migliorarla e segnalazioni di eventuali imprecisioni, che potete segnalare via email (trovate l’indirizzo alla fine di questo post o nella sezione di questo blog intitolata “Collabora con noi”).

A tal proposito, vi invitiamo a scriverci privatamente per posta elettronica. Questo non perchè non accettiamo critiche mosse in pubblico (ci mancherebbe), ma semplicemente perchè col passare del tempo, questo post diventerà vecchio e le segnalazioni fatte via commento potrebbero essere dimenticate facilmente, vista la mole di lavoro che abbiamo. Anche perchè, inviando commenti di segnalazione su altri post successivi e più recenti, si andrebbe fuori argomento.

Ricordo che l’indirizzo è questo:

Augurandomi che la sezione sia  di vostro gradimento, vi auguro una buona giornata.

Una bella poesia di Eugenio Montale

Ho sceso, dandoti il braccio

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale

e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.

Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.

Il mio dura tuttora, né più mi occorrono

le coincidenze, le prenotazioni,

le trappole, gli scorni di chi crede

che la realtà sia quella che si vede

Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio

non già perché con quattr’occhi forse si vede di più.

Con te le ho scese perché sapevo che di noi due

le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,

erano le tue.

Questa bellissima poesia di Eugenio Montale racchiude diversi spunti di riflessione, nonchè tematiche molto interessanti. Vi consiglio a rileggerla più volte per comprenderla meglio. Infine, vi invito a leggere l’approfondimento alla poesia sul nostro sito, su questa pagina:

Poesia di Montale

Troverete spiegazioni e approfondimento sui versi.